Scooter a GPL - scooter a gpl e ape piaggio a gpl

Vai ai contenuti

Menu principale:

Scooter a GPL

E’ dal 2002 che il Ministero dei Trasporti autorizza l’installazione di impianti gpl sui motoveicoli. Un po’ di scetticismo su prodotti nuovi o comunque mai utilizzati c’è sempre. Michele Castellan, titolare della MY CAR AUTOSERVICE ci ha creduto da subito infatti è stato il primo ad omologare su strada, il kit a gpl per scooter.
I due fattori primari che portò due anni fa Michele a credere su questo prodotto furono:
• Il Rispetto per l’ambiente, ormai devastato dall’inquinamento atmosferico e acustico;
• Dall’incontrollabile caro benzina, dettato da una speculazione finanziaria mondiale insostenibile.

 

Vantaggi E Svantaggi.
I vantaggi tecnici che offre questo kit a gpl sono molti. Prima di tutto abbiamo come nelle auto una doppia autonomia dandoci la possibilità di scegliere se viaggiare con gpl oppure con benzina.
Il veicolo con il gpl viene automaticamente rivalutato, infatti i vecchi scooter non catalizzati euro 0, 1 e 2 possono essere trasformati rientrando nella normativa antinquinamento di ultima generazione. Per questi tipi di veicoli non esiste più il blocco del traffico, permettendoci di entrare nei centri storici senza limitazione alcuna.
Hanno sicuramente un minor costo d’esercizio e proprio per la loro sicurezza possono essere parcheggiati anche nei parcheggi seminterrati.
In caso di caduta la valvola di sicurezza fa sì che il motore si spenga evitando la fuori uscita del gas. Contrariamente a quanto si può immaginare il motore a due tempi funziona regolarmente come quello a quattro tempi.
Contrariamente a quanto si può credere i motori raffreddati ad aria possono funzionare regolarmente a gas Gpl.
Per quanto concerne il rifornimento, non c’è nessun problema: ci si può rifornire tranquillamente presso un qualsiasi distributore di gas gpl.
Il kit a gpl si può istallare su scooter a 2 e 4 tempi, con cilindrata che va da 50cc a 200cc. L’unico svantaggio che possiamo segnalare riguarda ad un minimo calo di prestazione che si determina nella percentuale del 5% di velocità massima, mentre l’erogazione diventa molto più fluida.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu